SHARE
Apple Watch domande
Apple Watch: le tre domande che ci siamo posti

Come tutti gli appassionati di tecnologia sanno, l’Apple Watch può essere considerato uno dei dispositivi tecnologici o accessori mobili più attesi del 2015; l’interesse dimostrato per quest’indossabile l’ha consacrato al momento (anche se in alcuni paesi non è iniziata ancora la commercializzazione) come lo smartwatch più venduto di tutti i tempi.

Tanto interesse genera però anche tanta pressione nei confronti di Apple e per questo ci possiamo fare tre importanti domande, di cui però attualmente non ci sono ancora risposte veramente concrete o sicure.

1. Apple Watch sarà semplificato in futuro?

Una cosa che forse non tutti hanno digerito del nuovo indossabile dell’azienda di Cupertino è che il dispositivo cerca di fare fin troppe cose contemporaneamente e non è del tutto semplice utilizzarlo; la questione ricade infatti su alcune ridondanze nella progettazione: per esempio perché Apple Watch deve avere due tasti funzioni fisici e non semplicemente uno?

Altro aspetto da rivedere in parte è il software che presenta nel display un numero eccessivo di piccole icone circolari che risultano a volte difficili da premere anche da persone con piccole mani (vedi i bambini).

2.  Le applicazioni per Apple Watch si espanderanno in numero e qualità?

Seppur Apple Watch ha già un discreto numero di applicazioni scaricabili, non tutte queste sembrano essere particolarmente utili e presentano a volte poca fantasia o inventiva; in poche parole da provare e da disinstallare perché non ci sembrano troppo convincenti.

Per fortuna Apple ha annunciato l’apertura agli sviluppatori per programmare applicazioni native sullo Watch e questo aiuterà ad ampliare e migliorarne le funzionalità in generale.

3. Le donne lo indosseranno ritenendolo un vero oggetto alla moda?

Apple Watch diventerà realmente uno dei pochi dispositivi mobili di tendenza nel mondo femminile dato che l’azienda Coreana lo ha sempre definito più un gioiello che un indossabile tecnologico?

Va inoltre da ricordare che molto spesso nell’industria della tecnologia sono gli uomini a creare i prodotti e il loro design, dato che in questo campo poche volte compaiono donne che hanno ruoli rilevanti nel settore; per questo l’azienda di Cupertino ha deciso di ampliare le possibilità del proprio smartwatch personalizzandolo con vari materiali, dimensioni e cinturini: basterà questo?

Voi come rispondereste a queste tre domande adesso? Fatecelo sapere commentate pure voi!

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA