SHARE
AppleCare cambiamenti negli USA: e in Italia?
AppleCare cambiamenti negli USA: e in Italia?
AppleCare cambiamenti negli USA: e in Italia?
AppleCare cambiamenti negli USA: e in Italia?

Come molti di voi sanno già, esiste un servizio di assicurazione supplementare a pagamento per tutti coloro che hanno acquistato un iPhone, un iPad, un Apple Watch, e che vogliono tutelare maggiormente i loro dispositivi con sistema operativo iOS.

Il servizio si chiama AppleCare, è proposto direttamente dall’azienda di Cupertino ed ha vari costi a seconda del dispositivo da assicurare: i clienti per averlo devono pagare un supplemento pari a 99 euro per assicurare il loro iPhone o il loro iPad, 65 euro per un Apple Watch Sport, 89 euro per un Watch (Steel) e ben 2.000 euro per un Apple Watch Edition.

Sinteticamente AppleCare offre un servizio di assistenza tecnica telefonica aggiuntiva (software, come utilizzare il sistema operativo, difficoltà generiche e così via) per un anno, fino a 3 anni di copertura hardware aggiuntiva (alcuni modelli hanno 2 anni altri arrivano fino a 3) e infine due riparazioni da danni accidentali con spese ridotte (spese che variano da modello a modello).

Negli Stati Uniti lo scorso venerdì Apple ha modificato in meglio il contratto di AppleCare che riguarda specificatamente la garanzia aggiuntiva di un certo componente hardware: la batteria.

Fino a poco tempo fa infatti l’azienda di Cupertino sostituiva gratuitamente la batteria se, nei due o tre anni di copertura AppleCare+, perdeva almeno il 50% di capacità energetica rispetto a quando il prodotto era stato acquistato.

Con il cambiamento avvenuto venerdì scorso negli USA tutti gli iPhone, iPad e Apple Watch (Sport, Steel ed Edition) con garanzia AppleCare+ potranno sostituire la batteria se quest’ultima non arriva a garantire almeno l’80% della carica originale (va specificato che però questo cambiamento riguarda solo i dispositivi acquistati dopo il 9 aprile 2015)

In Italia il cambiamento attualmente è stato recepito a metà; Apple Watch, Watch Sport e Watch Edition infatti godono del nuovo cambiamento al 80%, mentre gli iPhone e gli iPad sono ancora fermi alla quota del 50%; è probabile comunque che l’azienda di Cupertino aggiorni nei prossimi giorni la percentuale e tutto venga ufficialmente equiparato al nuovo contratto americano.

AppleCare per Apple Watch: conviene assicurarsi?

Conviene o meno acquistare AppleCare per il vostro Apple Watch? Se volete avere un supporto tecnico aggiuntivo, sapere che anche in caso di danni accidentali potete riparare a costi ridotti il vostro smartwatch Apple nuovo di zecca il costo aggiuntivo non è particolarmente elevato per Watch Sport e Watch; per Watch Edition la spesa è piuttosto alta quindi la valutazione è molto soggettiva, dato che dipende dalla sicurezza che avete nel tutelare l’integrità del vostro indossabile di lusso.

Se volete assicurarvi con AppleCare per paura del calo prestazionale della batteria, gli esperti del settore affermano che la batteria degli Apple Watch garantiscono in generale un livello di efficienza superiore all’80% anche dopo 1000 cicli di ricarica.

In poche parole se ricaricate una volta al giorno il vostro indossabile Apple starete tranquilli anche senza assicurazione supplementare sulla batteria per almeno due anni e mezzo; la scelta di acquistare AppleCare deve essere quindi ponderata tenendo in considerazione tutti i suoi vantaggi complessivi e il suo costo.

Fonte: Sito Ufficiale

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA