SHARE
nuovi prodotti apple

Ogni tanto, in mezzo ad articoli riguardanti le novità in campo tecnologico e più nello specifico ai nuovi prodotti Apple, vogliamo ritagliare uno spazio per piccoli approfondimenti di carattere squisitamente economico.

nuovi prodotti apple

Premetto che non entrerò in considerazioni particolarmente complesse ma cercherò di approfondire quel tanto che basta per tirare due somme sulle scelte commerciali compiute da Tim Cook e compagni negli ultimi anni, o meglio di come quelle scelte siano state recepite dal mercato.

Qui non si vuole mettere in dubbio la qualità dei prodotti della mela, sempre al top dal punto di vista tecnico e dell’usabilità, ma sul fatto che i prodotti sfornati ultimamente abbiano rappresentato più delle extension line piuttosto che vere e reali innovazioni.

Servono davvero questi nuovi prodotti Apple?

Qui viene il punto: il motivo per cui sono stati lanciati è verosimilmente quello di voler fare cassa sull’immediato per far felici gli azionisti di cui Tim Cook è sostanzialmente schiavo, mentre ai tempi Jobs si permetteva di sfancularli allegramente.

Il problema è che adesso anche il mercato reagisce in maniera più tiepida alle novità Apple (vedi grafico azionario cliccando qui), con un atteggiamento ben diverso da quando alla guida della mela c’era il buon Steve.

Ad oggi Apple ha sempre una liquidità mostruosa e stacca dividendi interessanti con regolarità. Il rischio è quello di veder erodere il vantaggio competitivo creato negli anni prendendo strade sbagliate.

Ricordo che quando Jobs tornò alla guida della sua creatura dopo alcuni anni di esilio, ci mise sette anni per eliminare tutte le extension line e gli accessori prodotti quando non c’era. Non ne avremo mai la controprova, ma sarei curioso di sapere se con Jobs ancora alla guida avremmo visto l’Apple Watch o iPad giganti con pennino (lui, grande sostenitore del fatto che il miglior pennino fosse il dito!!!).

Chissà se nei prossimi mesi il mercato darà ragione ai nuovi prodotti Apple come nell’ultimo decennio o se man mano vedremo una scoraggiante flessione. L’importante per la mela sarà mantenere quella percezione su clienti e fan in giro per il mondo che l’ha consacrata come azienda più innovatrice degli ultimi anni.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA