SHARE
Galaxy S7 rumors

Nuovi rumors indicano che il futuro Galaxy S7 di Samsung utilizzerà pure lui una tecnologia simile alla Force Touch utilizzata sull’iPhone 6S.

Galaxy S7 rumors

La notizia è di poche ore fa: sul web sta circolando voce che Samsung per il suo prossimo Galaxy S7 utilizzerà anche lei un display con tecnologia a pressione, simile a quella già presente sull’iPhone 6S con il suo 3D Touch e quella del Huawei Mate S (che è stato in assoluto il primo smartphone al mondo ad utilizzarla).

Samsung sembra infatti che collaborerà con una società specializzata nel settore dei touch-screen e dei controlli con tocco chiamata Synaptics, che possiede un brevetto che fa molto gola all’azienda coreana: la tecnologia Clearforce.

Samsung Galaxy S7 e tecnologia Clearforce: qualche informazione

La tecnologia Clearforce è stata sviluppata per permettere alle persone di poter comandare i dispositivi con pannelli touch-screen sensibili alle varie pressioni del tocco delle dita; è molto simile al 3D Touch visto sull’iPhone 6S e 6S Plus di Apple, ma però sulla carta permette più funzionalità rispetto a quest’ultimo.

Clearforce oltre ai vari tipi di pressione sul display, può organizzare la gestione del lockscreen, la velocità dello scrolling delle pagine, spegnere e attivare il display del dispositivo (e magari attivare anche certe pre configurazioni), migliorare e variare i sistemi di controllo sul display per i video games.

Synaptics e Samsung hanno già collaborato in passato, dato che sul Galaxy S6 e Galaxy S6 Edge il sistema dello scanner per le impronte digitali è stato progettato insieme; questo ci fa ben capire che tra le due società ci sono ampi margini di collaborazione e il display Clearforce potrebbe essere impiantato con buone probabilità nei futuri Galaxy S7.

Synaptics ha infatti affermato che sta lavorando per diffondere a livello internazionale, per tutti produttori interessati, la sua tecnologia Clearforce a partire dai primi mesi del 2016, ma non è detto che non avrà accordi migliori con Samsung, la quale potrebbe ottenere il via libera alla produzione di massa prima degli altri diretti concorrenti, presentandosi così a febbraio-marzo 2016 con un prodotto, il Galaxy S7, che incorpora già questa tecnologia.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA