Photoshop non rende più belli: una storia vera

Photoshop non rende più belli: una storia vera

SHARE

Photoshop può rendere le persone migliori? Questo è quello che molta gente pensa quando passa le ore a ritoccare la propria foto per metterla su Facebook. Forse si è perso un po’ la vera essenza della realtà…

photoshop

Photoshop risolve tutti i problemi? 

In questo articolo, vi raccontiamo una storia che esprime tutta la dolcezza dell’essere umano, passando attraverso la sensibilità femminile e tutte le parole che ogni donna vorrebbe sentirsi dire. Una storia che ci fa riflettere sui sacrifici che facciamo giorno per giorno per sentirci sicuri di noi stessi anche se abbiamo qualche chilo in più.

Tutto nasce da una strana pubblicazione sulla propria pagina Facebook di una fotografa che si occupa principalmente di “boudoir”.

Questa tecnica fotografica riguarda gli scatti sensuali di grande valenza artistica che ritraggono i corpi in pose sinuose e sexy, spesso senza veli, preziosamente ritoccate su Photoshop. Esse infatti vengono totalmente private da ogni difetto e rese impeccabili.

La fotografa in questione, Victoria Caroline Haltom, è stata contattata da una signora texana che le ha chiesto di essere ritratta in questo modo per fare un regalo al proprio marito. La fotografa e la donna hanno fissato un appuntamento e gli scatti sono avvenuti.

Victoria ha eseguito il suo lavoro con Photoshop togliendo rughe, cellulite e anche quel chiletto di troppo dalla cliente per riuscire nel suo perfetto intento: portare quelle immagini alla perfezione Nulla di particolare, dato che l’artista si occupa di questo lavoro da anni ormai.

La reazione sconvolgente del marito: “Amo mia moglie così come è, senza Photoshop”

Dopo aver mandato le foto alla cliente, accade qualcosa di piacevolmente sconvolgente. Il marito della signora le manda una mail. Una mail dove spiega che, se pur consapevole delle intenzioni della moglie e pur riconoscendo l’egregio lavoro svolto, aveva capito proprio grazie a questo quanto amava sua moglie. Le ha scritto che quella donna perfetta in foto non era quello che lui voleva.

Lui amava tutti i difetti della sua consorte proprio perché quei difetti rappresentavano gli anni passati insieme, i figli nati dal loro amore, i momenti belli che hanno assaporato insieme. La moglie aveva sempre detto che non si sentiva bella e che probabilmente lui avrebbe preferito un’altra a lei. Grazie a questa situazione, l’uomo ha espresso che in realtà l’amava molto e in maniera del tutto naturale.

All’uomo non è interessato niente dei ritocchi e degli abbellimenti di Photoshop, voleva sua moglie come è nella realtà ed ha giurato che avrebbe iniziato a farle sentire di più il uo amore. Un episodio che ha quasi risvolti cinematografici! Alcuni sostengono che le parole non servano molto in questi casi, ma leggendo questa storia, forse non è proprio così. E voi che ne pensate? Siete di quelli che stanno ore a ritoccarsi con Photoshop?

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA