Privacy a rischio su Whatsapp: come tutelarsi

Privacy a rischio su Whatsapp: come tutelarsi

SHARE

Che la privacy fosse spesso a rischio anche e soprattutto attraverso l’eccessivo uso dei social network era risaputo. Che proprio da un colosso come Whatsapp ne venisse fuori quasi la conferma, lascia tutti un po’ di sasso. Secondo uno studio svolto dall’Università di Brno, l’attuale applicazione più usata al mondo controllerebbe e si approprierebbe di alcuni dati degli utenti attraverso le telefonate svolte e i numeri di telefono chiamati.

whatsapp

Quali sono le informazioni rubate su Whatsapp?

Le informazioni che Whatsapp prenderebbe sarebbero offerte su un piatto d’argento proprio per il fatto che tutte le telefonate effettuate attraverso il noto social circolano attraverso internet: questo consentirebbe di scrutare diverse altre informazioni personali degli utenti stessi. Non dimentichiamo tra l’altro, che Whatsapp fa parte della piattaforma Facebook e anche questo contribuirebbe a mettere a rischio ancora di più la privacy in merito alla raccolta dati personali.

Il sistema operativo Android aveva già fatto scattare diversi allarmi in merito alla privacy, ma sicuramente questo problema non rimane circoscritto solo al sistema operativo del robottino. Per lo meno, è quello che si pensa. Lo studio, dunque, ha scoperto questo grazie ad un modo particolare di traduzione e controllo su un sistema di criptazione dei dati inseriti e prelevati da Whatsapp. Proprio a causa della funzione “chiamata” dell’applicazione, il furto di dati potrebbe avvenire in maniera immediata.

È già da un po’ che in rete girano diversi plug in e programmi che consentono di poter criptare password, leggere messaggi altrui o vedere quando una persona si connette su Whatsapp.

Basti pensare per esempio a Mspy, uno dei programmi più potenti in circolazione per il controllo e la lettura dei messaggi. Ideato per la sicurezza dei figli, ha probabilmente avuto altri scopi meno adeguati, per così dire.

E se Mspy non è abbastanza, c’è anche Spyrix Monitor Personal, un super programma che consente funzioni più avanzate per quanto riguarda il controllo delle attività degli altri sui vari social network Facebook e Whatsapp, Skype eccetera e addirittura di fare il keylogger, ovvero di avere un controllo persino sulla tastiera. Oltre a questi già citati, ve ne sono altri più o meno simili.

La privacy è importante, ecco perché proteggerla non è mai abbastanza. Cerchiamo di porre molta attenzione a quello che scriviamo dunque e soprattutto cerchiamo di metterla al minor rischio possibile.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA