Salva grazie a Facebook: la storia di una ragazza

Salva grazie a Facebook: la storia di una ragazza

SHARE

Una storia che ha dell’incredibile e un finale lieto è felice grazie ad un post su Facebook. Questa volta però ha un’importanza rilevante dato che ha concesso di salvare una vita umana.

facebook

Facebook salva una vita umana: ecco la storia che ha fatto commuovere il web

Una padre posta una richiesta disperata di aiuto su Facebook: sua figlia, una ventiseienne inglese, ha una grave malattia renale ed è costretta a camminare con fatica.La cosa peggiore è che la ragazza sarebbe stata costretta alla dialisi a vita se non si fosse trovato nessun donatore. La storia ha però avuto un finale sorprendente. L’uomo ha deciso di chiedere attraverso il social se ci fosse stato qualcuno disponibile a donare un rene alla propria figlia. Tante le risposte e tanta la speranza che cresceva.

Tra tutti questi messaggi c’era anche quello di una donna, Louise. La signora è stata sottoposta a diversi test per molti mesi fino ad essere riconosciuta come donatrice e ad aver salvato la figlia di Stacey, la ragazza affetta da questa malattia renale.

Ovviamente, Facebook è impazzito di gioia e non sono nella vita interattiva. La stessa donatrice racconta che le persone sono rimaste totalmente sbalordite dal suo gesto immenso oltretutto rivolto ad una persona completamente estranea.

Il gesto estremo della donatrice

Louise ha fatto questo gesto proprio per aiutare una mamma a vivere con i propri bambini anche se prima dell’intervento ha confessato di avere avuto tantissima paura proprio perché non avrebbe voluto lasciare i suoi figli senza una mamma.
 Una notizia che riempie il cuore indubbiamente e che lascia pensare che forse anche un social network può essere una splendida cosa, tanto da salvare addirittura una vita.

Come dice la stessa ragazza, adesso totalmente fuori pericolo, non potrà mai ringraziare abbastanza la sua salvatrice e si sente particolarmente legata a lei per ovvie ragioni. Louise ha avuto un cuore immenso e soprattutto un grande coraggio malgrado molte persone siano rimaste totalmente interdette dal gesto. Tra l’altro, questo trapianto, è stato il primo in assoluto ad avvenire grazie ad un intervento su un social network.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA