Come tornare a Windows 7: i migliori metodi

Come tornare a Windows 7: i migliori metodi

SHARE

Per tornare a Windows 7, se Windows 8 oppure 10 sono tutt’altro che graditi, non bisogna farsi prendere dal panico, visto che esistono diversi metodi per poter effettuare il downgrade a Windows 7 senza alcun problema: ecco quali sono i passaggi per poter ripristinare la vecchia versione del sistema operativo.

tornare a Windows 7

Tornare a Windows 7: il metodo da applicare entro un mese

Per poter ripristinare Windows 7 sul proprio computer, dopo che si è deciso di utilizzare l’aggiornamento gratuito, basterà effettuare una semplice procedura entro il trentesimo giorno dall’aggiornamento.

Gli utenti hanno infatti un mese di tempo per decidere se mantenere, in maniera gratuita, il nuovo sistema oppure tornare a Windows 7.

Per effettuare tale operazione, sarà necessario recarsi nelle impostazioni del computer: per trovare immediatamente tale schermata, sarà possibile effettuare la ricerca nella barra impostazioni presente in basso a sinistra nello schermo.

Una volta che si entra in questa schermata, sarà opportuno cliccare sulla voce Aggiornamenti e Sicurezza: tra le varie voci che appariranno sarà presente anche quella Ripristina.

Per tornare a Windows 7 bisogna cliccare proprio su quella voce: nella schermata successiva sarà richiesto di specificare una motivazione per la quale, Windows 10 non è stato di proprio gradimento.

Non è necessario essere sinceri se non si ha una motivazione valida che spinge a compiere il downgrade, ovvero il ripristino al vecchio sistema operativo di Windows 7: scelta la motivazione, bisognerà solo premere su Avanti finché non viene attivata la procedura che consente, al proprio computer, di installare la precedente versione del sistema operativo.

La procedura per tornare a Windows 7 potrebbe richiedere diversi minuti e potrebbe accadere che appaia la scritta Impossibile Avviare il Computer, cosa che risulta essere normale in quanto è in corso la fase di ripristino del vecchio sistema operativo.

Una volta che il computer viene avviato, si dovrà semplicemente inserire il codice del sistema operativo, ovvero il Product Serial Key, che consente di attivare il suddetto sistema.

tornare a Windows 7

Prima di effettuare tutte queste operazioni è consigliato effettuare il backup di programmi e dati, copiandoli magari su un dispositivo ottico, come CD o DVD, oppure su un’unità di archiviazione di massa, ovvero pennini oppure dischi esterni, in maniera che i dati non vengano perduti per sempre.

Il ripristino tramite DVD

Tornare a Windows 7 è possibile anche formattando il computer ed utilizzando il disco di installazione del sistema operativo: ovviamente, in questo caso, è necessario salvare tutti i dati che si vogliono inserire nuovamente sul proprio computer.

La formattazione eliminerà ogni dato, mentre il downgrade potrebbe cancellarne solo qualcuno: per questo, quando si vuole formattare il computer per riportarlo alla versione di Windows 7, è bene salvare tutti i contenuti presenti sul proprio computer e che assumono una grande importanza.

tornare a Windows 7

Una volta salvati i contenuti, si dovrà procedere ad effettuare la suddetta formattazione: bisognerà inserire il disco del sistema operativo e riavviare il computer.

Nella schermata apparirà una scritta che permette di avviare il sistema operativo proprio da questo supporto: per far iniziare la suddetta procedura, si dovrà semplicemente premere un qualsiasi tasto della tastiera.

Il computer inizierà quindi a lavorare sulla formattazione ed installazione di Windows 7: se si conoscono bene le partizioni, sarà anche possibile scegliere dove installare il sistema operativo, optando per una partizione in particolare.

Una volta che l’installazione è partita, l’utente deve semplicemente seguire le varie procedure che gli consentono di installare e ripristinare Windows 7 sul proprio computer.

Terminate tutte le operazioni, che consistono nello scegliere le impostazioni che maggiormente soddisfano l’utente, il computer verrà riavviato nuovamente: una volta che tale procedura avviene, cosa che potrebbe comportare diversi minuti almeno le prime volte, il sistema di Windows 7 sarà ripristinato in maniera perfetta sul proprio computer.

Downgrade a Windows 7 con chiavetta USB

Affrontiamo ora un procedimento differente per tornare a Windows 7: esso consiste nel porre, in una chiavetta USB, tutti i file di installazione che riguardano appunto questo sistema operativo.

È estremamente importante formattare la chiavetta: in essa non vi devono essere dei files aggiuntivi, ma solo quelli del sistema operativo in questione.

Una volta effettuata tale operazione, bisogna scaricare dal sito Microsoft l’ISO del sistema operativo di Windows 7, che potrà essere comprato, assieme al codice seriale, proprio dal suddetto sito ufficiale.

Effettuato tale procedimento, per ripristinare Windows 7 è importante scaricare ed installare il programma Windows7-USB-DVD-Download-Tool-Installer-en-US.exe, sempre presente sul sito Microsoft e completamente gratuito, il quale permette di compattare l’immagine ISO nella penna USB.

Effettuata tale operazione, una volta che il programma è stato installato sul pennino, sarà necessario verificare che l’immagine ISO sia presente sulla pennina.

Prima di riavviare il computer, è necessario salvare i dati, utilizzando un secondo pennino, che si vogliono inserire nel computer, visto che trattandosi di una formattazione, tutti i files andranno persi.

Un’altra operazione da svolgere, prima di riavviare il PC, consiste nell’impostare il boot nella penna USB, in maniera tale che, al riavvio del PC, il computer riconosca l’immagine ISO e permetta di ripristinare Windows 7.

Svolta anche tale operazione, con in mano il codice seriale del prodotto sarà possibile poter installare Windows 7 sul proprio PC.

Ecco quindi quali sono i metodi per poter tornare a a Windows 7 in maniera facile e veloce. Per consigli e pareri, scriveteci un commento.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA