SHARE

Uno studio condotto nell’ università del Michigan ha realizzato un software in grado di sfruttare la tecnologia del sonar che permetterebbe allo schermo di ogni smartphone di diventare sensibile alla pressione simulando il 3d touch.

 

Con Forcephone potremmo sfruttare il display della smartphone per funzionalità come anche il 3d touch a prescindere dall’hardware

Il 3d touch è una tecnologia molto recente lanciata da Apple sul suo iphone 6s e poi va via utilizzata anche da altre aziende, in pratica attraverso la pressione del dito sullo schermo si attivano una serie di funzionalità del dispositivo. La tecnologia è stata sì ripresa da altre compagnie ma al momento non ha subito una grande espansione in quanto al pari di altri sensori è molto difficile da replicare. Se da un lato poche sono le aziende che hanno sfruttato questa tecnologia a causa delle varie difficoltà, dall’altro lato ci sono un ricercatore e un professore dell’Università del Michigan che invece hanno trovato un modo di utilizzare il pannello di ogni smartphone basato su android come se fosse un display capace di sfruttare la pressione esercitata per replicare una tecnologia simile al 3d touch. Yu-Chin TungKang Shin, rispettivamente ricercatore e professore di Scienza dei Computer del dipartimento di Ingegneria dell’ università del Michigan, hanno sfruttato le alte frequenze sonar non udibili all’udito umano ma assimilabili dai microfoni degli smartphone. Al momento della pressione sul display cambieranno le frequenze sonar ed attraverso il microfono il software recepirà le stesse simulando la funzione 3d touch.

Il film “Il Cavaliere oscuro” ci ha ispirato

Così riporta il ricercatore Yu-Chin TungHo pensato che fosse un’idea interessante quella di inserire tutti gli smartphone dentro un sistema sonar e portare nuove feature non pensate specificatamente per ognuno di questi. Il ricercatore si riferisce al film con Cristopher Nolan “Il Cavaliere oscuro”, in particolare alla scena in cui batman e Fox vogliono triangolare la posizione di Joker attraverso un sistema che sfrutta le frequenze sonar dei cellulari.

ForcePhone-3D-Touch-based-on-Batman

Quando vedrà luce il progetto

Il progetto è ancora in fase di ultimazione, ma c’è più di qualche possibilità di vederlo a fine giugno. Come spiegano i due scienziati i risvolti di questa tecnologia possono essere molteplici ed essere utilizzati per molte altre funzionalità e scopi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA