SHARE

Un pianeta più piccolo ma dalla consistenza rocciosa come la Terra sul quale potremmo perfino trovare acqua, sarebbe questa la descrizione semplificata di Proxima b.

Questo pianetino è stato studiato dagli astronomi della campagna Pale Red Dot, legata all’osservatorio cileno La Silla, che è stato il luogo dal quale si è potuto meglio osservare questo puntino rosso e passare a degli studi molto approfonditi.

Questa campagna è nata proprio dopo la scoperta di Proxima b nella sua ubicazione “poco distante” dalla Terra.

Si trova all’interno della costellazione del centauro e proprio nei pressi di una delle stelle più vicine a noi di questa costellazione che si chiama  Proxima Centauri e che a sua volta si trova nei pressi Alfa Centauri la stella più grande della costellazione stessa.

Il sosia terrestre dista, quindi, circa 4,2 anni luce da noi ossia , tradotto in termini astronomici, quasi dietro l’angolo. Scoperta l’esistenza di questo corpo celeste che gravita comunque “nelle nostre vicinanze”, gli scienziati hanno potuto iniziare a studiarne forma, dimensione, movimenti e anche consistenza, riuscendo a capire che la superficie di questo pianeta è rocciosa come quella terrestre.

Acqua sul pianeta Proxima b ?

Lo studio su Proxima b è avvenuto, ovviamente, con metodi scientifici molto sofisticati. Un esempio è il metodo delle velocità radiali, grazie alle quali si sono calcolate le oscillazioni che il corpo celeste compie intorno al proprio baricentro.

Il calcolo di queste oscillazioni e la verifica di cambiamenti di frequenza al loro interno,  ha permesso di capire quale tipo di moto avrebbe Proxima b e di orientarsi verso la tipologia della sua composizione fisica.

Dalle analisi spettroscopiche è stata identificata una superficie rocciosa  e si è calcolata la luminosità e il calore che arrivano dalla stella Proxima Centauri e dal sole.

Gli scienziati ipotizzano un clima meno mite rispetto alla Terra, ma comunque una possibilità che esista acqua allo stato liquido.

Certamente le nuove scoperte potrebbero rendere Proxima b una delle mete più ambite del futuro.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA