SHARE

La tecnologia in 3D sta facendo passi da giganti andando a rivoluzionare persino le novità in campo medico. 

Attraverso la stampa di elementi tridimensionali è possibile creare sotto i propri occhi ed in poco tempo oggetti di uso quotidiano, componenti aggiuntivi di ogni genere e persino parti del corpo da utilizzare nei trapianti.

Ma la vera innovazione in campo di stampa tridimensionale arriva da studi condotti dal MIT ( Istituto di Tecnologia del Massachusetts) e da scienziati appartenenti  all’ Università di Tecnologia e Design di Singapore.

La novità di queste stampe progettate da questi scienziati risiede nella particolarità dei materiali. Si tratta di materiali che possono essere stampati in una forma per poi ritornare ad un’altra forma prestabilita. Questi cambiamenti possono essere dettati, per esempio, dalla variazione di temperatura o con impulsi elettrici.

La pinza 3D, pannelli solari, dispositivi medici

Gli oggetti che si potrebbero realizzare con questi nuovi materiali sono davvero tanti.

Per la sperimentazione gli scienziati hanno costruito una pinza tridimensionale che con variazioni di calore si stringe, afferra una vite e poi la rilascia quando il calore diminuisce.

Allo stesso esperimento appartiene una suggestiva Torre Eiffel che ricrea un effetto scenografico sorprendente. Al principio è piegata su sè stessa e riscaldata assume pian piano la forma eretta.

Davvero importante se pensiamo alle possibili applicazioni di questa nuova tecnologia. Si potrebbe per esempio utilizzare un dispositivo medico capace di percorrere delle zone del corpo se azionato a distanza tramite scariche elettriche o con il calore corporeo. Sarebbe importante per rilasciare medicinali o fare operazioni delicate difficilmente raggiungibili.

Allo stesso modo si sta pensando ai pannelli solari “girasoli” che come questi bellissimi fiori potrebbero muoversi autonomamente assumendo la posizione più sfruttabile,  in modo da catturare più energia in qualunque momento della giornata.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA