SHARE

Sono ormai millenni che scienziati più o meno noti si interrogano su quale sia l’origine della Luna, il nostro meraviglioso satellite protagonista anche di opere letterarie celebri.

La luna gravita intorno alla Terra e assieme percorrono l’orbita intorno al sole sempre assieme, come inseparabili amiche. Simbolo delle notti romantiche, amica dei calcoli delle donne in gravidanza e organizzatrice delle alte e basse maree, il nostro satellite è nato insieme alla Terra o dalla Terra?

L’ipotesi che anche ultimamente è da considerarsi la più probabile è che in realtà il nostro satellite sia proprio una parte di terra. Per essere più precisi di ciò che era la terra alle origini, un pianeta primordiale e in via di sviluppo

La luna formatasi da frammenti di ‘terra’

La storia, che è quella definita con più alto margine di probabilità, è datata 4 milioni e mezzo di anni fa. Mentre una terra primordiale gravitava nell’universo venne a scontrarsi con un corpo celeste molto grande che gli scienziati chiamano ipoteticamente Theia.

Theia era un corpo celeste grande quando Marte e l’impatto con la terra è stato tale da far staccare dei pezzi che hanno iniziato a gravitarle intorno.

Questa ipotesi venne formulata nel 1975 da William Hartmann e Donald Davis, i quali per primi parlarono di Theia e dell’ipotesi di impatto. Essi ipotizzarono che tutti i frammenti si erano poi aggregati per formare il nostro satellite.

Questa ipotesi è ancora viva e su “Nature”  Kun Wang e Stein B. Jacobsen hanno , recentemente, pubblicato un articolo che mostra i risultati delle analisi effettuate sul frammento di roccia lunare arrivato nel 2015.

Secondo le ultime analisi risulterebbe che la composizione del satellite è uguale a quella della terra. Di conseguenza la luna dovrebbe necessariamente essersi originata da frammenti provenienti dalla Terra e non dalla fusione di frammenti di terra e Theia, come ipotizzato finora.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA