SHARE

Raddoppiate l’ascolto e sottraete il desiderio personale, arrivata la formula per i regali di Natale. 

Carina come poesia della vigilia, se non fosse che è in realtà davvero una formula matematica  ideata dalla professoressa di psicologia Karen Pine all’Università di Hertfordshire, per rispondere all’esigenza che abbiamo tutti, chi qualche settimana prima, chi qualche settimana dopo di pensare ad un regalo per amici e parenti più stretti.

Il regalo di Natale è un dono simbolo come simbolica è questa ricorrenza che ci fa essere (forse) tutti più buoni. Fiocchi rossi, brillantini, fiocchetti di neve, lucine colorate e il vecchio barbuto da anni ormai ciondolante dai balconi: elementi indispensabili per la classica atmosfera natalizia e se mancano i regali non è proprio festa.

Ecco la formula matematica per i perfetti regali di Natale

La professoressa Karen Pine è già famosa per aver scritto numerosi saggi di psicologia e proprio l’anno scorso ha pubblicato un libro sulla psicologia del fashion, svelando i segreti nascosti dietro la scelta del nostro outfit quotidiano.

 La sua formula ideata per il regalo perfetto è : (A x 2) + O + S² – D + E , quindi raddoppiamo l’ascolto (A) e accostiamolo all’osservazione (O) per poi aggiungere il risultato ad una dose doppia di sforzo (S) senza però farci guidare dal desiderio personale (D) e quindi aggiungiamo ancora l’empatia (E).

Quindi per trovare il regalo perfetto ascoltiamo la persona per capire cosa potrebbe essere un suo bisogno o desiderio e togliamo per un momento dalla nostra mente ciò che vorremmo noi ricevere come regalo. Sforziamoci nella ricerca e nel capire cosa potrebbe pensare la persona al ricevere il nostro dono.

Un regalo è un messaggio e quindi pensiamo a cosa vogliamo comunicare prima di acquistare un regalo. Lo dice la matematica!

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA