SHARE
amazon chime

Nei giorni scorsi il colosso e-commerce Amazon ha annunciato ufficialmente l’arrivo di un nuovo servizio proprietario di videoconferenze e messaggistica istantanea rivolto all’universo Business, denominato Amazon Chime.
La nuova release sarà fruibile attraverso le piattaforme Windows e Mac, oltre che sugli operativi mobili Android ed iOS, consentendo di dare vita ad una conversazione simultanea fino ad un massimo 16 persone o in alternativa 8 su device mobili. Attraverso Amazon Chime, già utilizzatori avranno tra le altre cose la possibilità di condividere gli schermi, contenuti multimediali, registrare conference, oppure dare vita ad una vera e propria conversazione telefonica.

Amazon Chime contro Skype e Hongouts

La soluzione Chime si abbina in questo senso con il prodotto Amazon Web Services, suite di servizi rivolta al cloud computing proposti dalla piattaforma on demand del produttore Amazon.
La soluzione Amazon, intende concorrere sul mercato con i più importanti competitor produttori di servizi enterprise-oriented, soluzioni come ad esempio Cisco WebEx e GoToMeeting di LogMeIn, anche se per gli esperti di mercato, la release Amazon rappresenterà il concorrente principale di Skype for Business di Microsoft o Hangouts di Google.

Prezzo e Specifiche Tecniche

Il prezzo di rilascio di Amazon Chime sarà sin da subito molto competitivo: il piano di abbonamento Plus sarà fruibile al prezzo di $ 2.50 mensili per utente, con il piano Pro invece si potrà dare vita ad un massimo di incontri con 100 persone oltre ai servizi VoIP senza limiti, ad un prezzo pari a $ 15 per utente.
La sicurezza delle chiamate effettuate tramite il servizio Chime, vengono protette attraverso un servizio di crittografia a 256 bit, sistema di crittografia già implementato sui servizi Amazon Web Service. Tra i servizi da annoverare tra quelli proposti da Amazon Chime troviamo anche lo streaming di dati su banda larga e l’eliminazione del rumore in maniera tale da consentire una migliore qualità audio.

Amazon Crime come si può intuire rappresenta un’ulteriore progresso proposto dai servizi nativi di Amazon che dopo i servizi computing, dimostra una certa propensione nel migliorare la propria proposta nel campo dei servizi Saas.
Rimaniamo ora in attesa di ulteriori aggiornamenti per capire quando esattamente assisteremo all’approdo di Amazon Chime sul mercato.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA