SHARE
AsteroidOS

È stato annunciato il primo sistema operativo per smartwatch, AsteroidOS, totalmente open source. L’idea è venuta a Florent Revest, un ragazzo di 19 anni, studente di informatica di Tolosa, convinto appassionato di software libero.

Cos’è AsteroidOS

Alla base di questo progetto Florent Revest pone l’idea per la quale tutti debbano avere il controllo dei dispositivi, quindi anche quelli wearable. Da questo principio egli ha sviluppato AsteroidOS partendo da librerie e tool completamente gratuite e documentate, tra cui Bluez5, Waylna, Qt5, linhybris, OpenEmbedded e altre).

La prima versione di questo sistema operativo, l’Alpha 1.0, è compatibile con 4 differenti smartwatch, ovvero l’LG G Watch, l’LG G Watch Urbane, il Sony SmartWatch 3 e l’Asus ZenWatch 2. Al momento si tratta di una semplice demo con numerosi bug e funzionalità ridotte, ma il dado è tratto ed è “sufficiente” risolvere questi problemi per attendersi in un prossimo futuro il rilascio di una versione definitiva. A tal proposito Florent ha chiesto il contributo di altri volontari, a livello internazionale, per lo sviluppo di una versione migliorata e aggiornata.

Come funziona AsteroidOS

Il funzionamento di AsteroidOS è molto semplice: un’applicazione permette la sincronizzazione delle notifiche tra lo smartphone e lo smartwatch attraverso una connessione bluetooth. AsteroidOS per il momento dispone di sveglia, agenda, orologio, calcolatrice, cronometro, previsioni meteo e controllo remoto della playlist musicale; sostanzialmente come fosse una versione base di un comune smartwatch.

Già dalla prossima release ci si attende di trovare un’app per il fitness, quella per le note, un navigatore GPS offline, una bussola e un’agenda che si integri con i calendari online. Inoltre alcuni sviluppatori stanno lavorando con l’obiettivo di migliorare le prestazioni hardware di questo sistema operativo open source. Tra gli obiettivi principali ci sono il miglioramento delle prestazioni della batteria e il supporto con un numero sempre maggiore di sensori.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA