SHARE
tinder

Tinder è una’applicazione mobile capace di attrarre l’interesse di numerosi utenti grazie alla sua semplicità utilizzo. Si tratta di una app per incontri la quale permette di prendere visione di un pool di potenziale partners semplicemente sfogliando foto e selezionando o scartando le fotografie analizzate.

L’applicazione sino ad oggi è stata fruibile esclusivamente su piattaforma mobile, ma secondo alcune indiscrezioni sarebbe ora in fase di test, una versione specificatamente studiata per essere fruibile da PC, release studiata per oltrepassare i limite dell’universo mobile, rendendo le interazioni dei diversi utenti della piattaforma meno repentine, e consentendo al contempo l’integrazioni di features volte a migliorare l’esperienza degli utilizzatori, anche attraverso uno spazio maggiore riservato alla chat.

Tinder: un successo planetario

Tinder è attualmente un’ app disponibile in ben 196 paesi, con oltre 10 miliardi di utenti interconnessi da tutto il mondo, 10 miliardi di utenti alla ricerca di un’anima gemella che con un semplice swipe avranno la possibilità di tentare la fortuna nel tentativo di essere folgorati dal vero colpo di fulmine: nel caso in cui il profilo sia di gradimento, basterà uno swipe verso destra, contrariamente invece si dovrà soltanto uno scorrimento della foto verso sinistra. Nel caso in cui due utenti rilevino un apprezzamento reciproco allora sarà possibile mettersi a chattare ed eventualmente rendersi disponibili per un incontro dal vivo.

L’integrazione su piattaforma desktop consentirà di dare un maggiore risalto alla chat, in quanto in caso vi sia un abbinamento di apprezzamenti, la chat pervaderà la schermata permettendo di focalizzare l’attenzione degli utenti verso la possibilità di dare vita ad un primo contatto diretto con la controparte. L’applicazione per PC è attualmente in fase di test non solo nel nostro paese, ma anche in Argentina, Brasile, Colombia, Filippine, Indonesia, Messico ed Svezia.

Insomma il successo di Tinder è stato sicuramente devastante, ragion per cui l’estensione verso l’universo desktop permetterà sicuramente di dare un’ulteriore spinta alle adesioni al servizio.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA