SHARE
Apple Watch

Lo store degli Apple Watch ha ricevuto nei giorni scorsi una particolare novità: è stato infatti terminato il supporto di applicazioni quali Google Maps, eBay e Amazon. Proviamo a capire quali sono le motivazioni di tale decisione.

Il supporto delle app per gli Apple Watch

La questione è poco chiara e, oltretutto, ha suscitato poco clamore. Questa è già di per sé una notizia e, forse, contiene in sé i germi di alcune risposte. Infatti, anche da quanto riferiscono da Apple, queste applicazioni erano poco utilizzate (e scaricate) dagli possessori di un Apple Watch, da qui il poco clamore della cessazione del supporto.

In realtà Google ha annunciato che in futuro, non definendo però quando, ripristinerà il supporto alla propria applicazione di navigazione.

Gli sviluppatori e gli Apple Watch

In realtà pare di capire che il problema reale sulla rimozione di queste app dallo Store degli Apple Watch sia di altra natura, ben più profonda e strutturata. Infatti l’ultimo aggiornamento del sistema operativo per gli smartwatch di Apple permette una maggiore libertà di sviluppo ai programmatori, ma poi quando si passa alla realtà questo non avviene per le app che non sono ottimizzate per gli smartwatch.

Inoltre alcune app non funzionano senza la connessione con l’iPhone, per cui sarebbe opportuno sviluppare applicazioni pensate ad hoc per Apple Watch, mentre in realtà app come Maps, eBay e Amazon non lo erano e per questo non è più necessario supportarle nello Store.

Più che un supporto andrebbero ripensate totalmente e sviluppate in funzione del supporto sul qual devono essere utilizzate. Non può essere, e questo gli utenti lo percepiscono immediatamente, che la stessa app abbia le stesse funzioni e lo stesso layout sia se venga usata su pc, tablet, smartphone o dispositivi wearable. Il mondo delle app è talmente variegato dove a vincere sono l’unicità e la creatività, non la ripetitività.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA