SHARE
facebook

L’Antitrust dell’Unione Europea ha deciso: Facebook dovrà pagare una maxi multa di 110 milioni di euro per illeciti commessi al momento dell’acquisto dell’app di messaggistica istantanea WhatsApp.

La maxi multa inflitta a Facebook

Quando nel febbraio del 2014 Facebook ha acquistato WhasApp, per la ‘modica’ cifra di 19 miliardi di dollari, aveva garantito alla Commissione dell’Unione Europea che non avrebbe collegato in alcun modo i profili del proprio social con i numeri di WhatsApp.

Cosa che, invece, è puntualmente accaduta quando, ad agosto 2016, con l’aggiornamento dei termini del servizio, è stato definito proprio il collegamento tra i profili del social network e i numeri di telefono della rubrica di WhatsApp.

Multa Facebook e le parole dei protagonisti

A seguito del pronunciamento dell’Antitrust dell’Unione Europea il Commissario alla Concorrenza, Margrethe Vestager, ha dichiarato che la decisione ha: “un chiaro segnale alle società che devono rispettare le regole Ue, incluso l’obbligo di fornire informazioni corrette“.

Inoltre va specificato che la sanzione dell’Unione Europea non ha valore retroattivo, per cui le autorizzazioni concesse, per quanto acquisite in maniera illecita, rimangono pienamente valide. La replica di Facebook, tramite un proprio portavoce, è stata: “Abbiamo agito in buona fede sin dalle nostre prime interazioni con la Commissione Ue e abbiamo cercato di fornire informazioni accurate ogni volta […] Gli errori che abbiamo fatto nel 2014 non erano intenzionali e la Commissione ha confermato che non avevano impatto sull’esito dell’analisi della fusione” e che “l’annuncio di oggi porta a conclusione la questione“.

Per il social di Zuckeberg, inoltre, non sono finiti i problemi e le multe da pagare; infatti anche l’Antitrust italiano ha stabilito una multa di circa 3 milioni di euro per aver indotto gli utenti a credere che, senza l’accettazione delle nuove condizioni di servizio (le stesse per cui Facebook è stato multato dall’UE), non sarebbe stato più possibile utilizzare l’applicazione di messaggistica istantanea.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA