SHARE
truffe digitali

La sicurezza è a serio rischio con l’alto numero di truffe digitali che regolarmente invadono i nostri smartphone. In modo particolare negli ultimi tempi ad essere un ottimo canale per queste truffe è WhatsApp, la nota e diffusa app di messaggistica istantanea.

Le truffe digitali su WhatsApp

Essendo WhatsApp un’applicazione che si aggiorna molto spesso e che sperimenta ed introduce nuove soluzioni, molte truffe digitali si presentano tramite un messaggio che invita a provare un nuovo servizio, come ad esempio a utilizzare i nuovi colori disponibili. In realtà non c’è nulla di vero e i rischi possono essere diversi. Si passa dall’attivazione di servizi in abbonamento non richiesti al furto delle credenziali di accesso dei conti correnti online.

Come difendersi dalle truffe digitali

Il problema più difficile da risolvere per quel che riguarda le truffe digitali tramite l’app di WhatsApp è che molti di questi messaggi arrivano attraverso i contatti delle propria rubrica tanto da sembrare veri, credibili, non pericolosi.

Le truffe digitali tramite WhatsAppLe truffe sono anche articolate perché si nascondono dietro più o meno improbabili offerte per la spesa presso i maggiori supermercati, oppure la vendita a prezzi scontati dei biglietti per le compagnie di volo low-cost.

La Polizia postale sta tentando di informare, tramite la propria pagina Facebook, gli utenti, invitandoli a non seguire questi link sospetti.

Nunzia Ciardi, Direttore del Servizio Polizia Postale ha dichiarato. Tramite il comunicato di presentazione dell’iniziativa, che: “Una Vita da Social è un progetto indirizzato principalmente ai giovani che sono i principali fruitori della Rete […] L’iniziativa, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e con il patrocinio del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, vuole fare in modo che Internet possa essere vissuto come un’opportunità e non come un pericolo”. Infine: ”Una Vita da Social rappresenta inoltre un esempio positivo di collaborazione fra pubblico e privato perché unisce competenze e conoscenze di importanti Aziende del settore a disposizione dei giovani, dei loro genitori ed insegnanti”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA