SHARE
Privacy WhatsApp

Torna, e in maniera piuttosto devastante, il discorso sulla privacy WhatsApp. La nota app di messaggistica istantanea, che nei mesi scorsi era stata coinvolta in alcuni casi di violazione della sicurezza, torna a far parlare di sé e non per un nuovo aggiornamento con l’introduzione di altre funzionalità.

Il livello della privacy WhatsApp

Il livello della privacy WhatsApp non è dei migliori perché esistono app e sistemi, non troppo complicati e accessibili anche ad utenti medi non solamente hacker esperti, con i quali visualizzare molte informazioni dei propri contatti.

È infatti possibile visualizzare il tempo delle conversazione, il tempo e il numero delle connessioni effettuato da un determinato numero, l’orario dei messaggi inviati e ricevuti, le foto di profilo e, in un crescendo sempre più preoccupante, accedere anche audio, video e foto che sono state condivisi.

Nonostante tali app e sistemi siano chiaramente illegali e passibili di conseguenze penali è altrettanto chiaro come ciò non scoraggi qualche malintenzionato.

Come difendere la propria privacy WhatsApp

Il problema di queste app, però, è leggermente più complesso, in quanto spesso sfruttano le informazioni pubbliche di ogni contatto, per cui tecnicamente e legalmente non si può nemmeno parlare di reato.

Come difendere la privacy WhatsAppQualche accorgimento e consiglio utile su come difendersi da chi ci spia o da chi potrebbe farlo, perché si tratta di operazioni preventive, parte ad esempio dall’evitare di connettersi con reti WiFi aperte e pubbliche, come quelle di ristoranti, alberghi, aeroporti, eccetera, che sono più facilmente vulnerabili.

L’altro accorgimento prevede di disattivare le opzioni che mostrano quando siamo online (o il nostro ultimo accesso) e la famosa doppia spunta blu, che notifica quando abbiamo letto i messaggi ricevuti.

Si tratta di piccole operazioni, apparentemente molto fragili per la tutela della privacy WhatsApp. In realtà sono fragili anche i sistemi con i quali essa viene violata, ma anche se minimi molte app riescono a sfruttarli a loro vantaggio. Ecco quindi che conviene rimuovere tutto ciò che può essere utilizzato contro di noi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA